Comunità

Caritas

Sei volontari adulti, quattro uomini e due donne, si occupano dell’organizzazione e del servizio Caritas parrocchiale. Si incontrano ogni martedì dalle 17.30 alle 19.00, nei locali della parrocchia,  per distribuire beni di sussistenza a tutti coloro che ne fanno richiesta. Oltre ad offrire alimenti a lunga conservazione, raccolgono sistematicamente l’abbigliamento per bambini e adulti e dopo averlo attentamente esaminato lo classificano e lo consegnano ai bisognosi. Gli alimenti vengono forniti dal centro Caritas cittadino, ma le quantità non sono mai sufficienti a coprire le numerose richieste. Nei momenti forti dell’anno, in modo particolare in Quaresima e nel tempo di Natale si chiede la collaborazione dei bambini del catechismo e delle loro famiglie, così attraverso una colletta alimentare comunitaria si cerca di esaudire le richieste. Inoltre non manca l’aiuto di quanti donano ciò che  possono per il sostentamento dei poveri. Le povertà che si presentano alla Caritas sono molteplici, dall’immigrato  al disoccupato che non può nemmeno procurare il necessario alla famiglia, all’anziano che a causa della bassa pensione percepita non riesce a coprire le spese mensili, soprattutto quando ha anche da pagare l’affitto. Generalmente si cerca di soddisfare i bisogni dei fedeli della parrocchia, ma non si rifiuta mai l’aiuto anche a coloro che provengono da altri bacini parrocchiali. I volontari Caritas mettono a disposizione non solo il loro tempo per distribuire quanto la parrocchia offre, ma si offrono anche come punto di ascolto e accoglienza delle povertà materiali e spirituali sempre più in crescita. I volontari auspicano una sempre maggiore partecipazione al volontariato come segno che le attività parrocchiali non si limitano all’organizzazione pastorale, non si chiudono su se stesse, ma offrono servizio attivo e responsabile finalizzato al benessere comune.


Copyright © 2021
Parrocchia Santa Maria di Sovereto
via Sarcone 2
70038 Terlizzi (BA)
Codice Fiscale: 93429680726

Credits

Utenti online: 3